UNA TROIA STRA-TO-SFE-RI-CA! - 3^ puntata

UNA TROIA STRA-TO-SFE-RI-CA! - 3^ puntata

Il frigo era vuoto. Ci siamo rivestiti, abbiamo comprato due ratatouille, una baguette, dei pomodori e una bottiglia di vino. Poi, finalmente, abbiamo fatto un pisolino. Dopo 2 ore circa, mi sono svegliato con un'erezione spontanea, come se fosse mattina. Noooo! Miriam dormiva ancora e non doveva accorgersene! Ho fatto assoluta attenzione a non svegliarla e mi sono preparato un caffè. Ahhh, che pace...
Invece ha aperto gli occhi quasi subito, forse l'odore del caffè...
- Cosa succede?
- Tranquilla, dormi pure, non c'è niente di urgente da fare...
Si è alzata ed ha subito notato il mio pene, purtroppo barzotto.
- Vedo che l'aria di Juan LE PEN ti fa bene!
- Per la verità, sia io che lui ci sentiamo un po' cotti... e poi dobbiamo andare in un camping, non possiamo restare in un parcheggio pubblico. La multa di prima non ti è bastata?
- Ok, tra poco ci andiamo... però, prima...
Si è chinata e mi ha leccato il petto strappandomi dei peli e mangiandoseli. Subito dopo, mi ha mordicchiato le labbra, si è messa a quattro zampe ed ha inserito il mio cazzo ormai rigido nella sua vaginona, spingendolo fino ai testicoli. Io le baciavo il collo, le palpavo le mammelle e le sgrillettavo la clitoride. Il suo respiro è diventato sempre più veloce, roteava i fianchi muovendosi avanti e indietro, roteando i fianchi. Godeva in fretta, così, senza pietà. Quando stavo per eiaculare, l'ho avvertita, si è sfilata e mi ha preso il cazzo in bocca, ingoiando ogni goccia del mio sperma. Una volta, mentre le slinguazzavo la patata, mi ha addirittura pisciato in faccia, almeno così pensavo io. Invece lei mi ha spiegato che era un'eiaculazione femminile che chiamano "squirting" e che alcune donne riescono a raggiungere (boh?).
Insomma, è stata una vacanza faticosissima! Ogni volta che eravamo da soli, lei pretendeva di fare sesso. In piedi, seduti, distesi, davanti, da dietro. In spiaggia stava in topless e, in giro, oer fare più in fretta, al posto dei pantaloncini metteva una gonna senza indossare le mutande. Io cercavo di non provocarla, ma le mie balle, sollecitati da tanto esercizio, producevano sperma in quantità industriale ed il testoterone era a mille. Non riuscivo più a staccare gli occhi dal suo culo. Mi sembrava di essere un "toy boy", anzi, un "toy old", un "vecchio play boy" in disarmo che obbediva come un deficiente ad una "girl" e ad ogni suo desiderio osceno. Tutti i francesi ed i turisti erano invidiosi, Miriam era bella ed affascinante, ma non posso dire che fosse molto intelligente. Piuttosto, forse... una troia stra-to-sfe-ri-ca!
Finalmente, le due settimane di vacanza erano passate. Non vedevo l'ora di tornare a Savona, a lavorare... per riposarmi!!! Il pomeriggio e la sera del ritorno, con decisione, aveva stranamente evitato qualsiasi rapporto sessuale. Durante il viaggio, parlava di venire a vivere a casa mia... e la sola idea mi terrorizzava!

CONTINUA

Vota la storia:




02/02/2017 22:49

mirko

Mi dici per piacere su che sito porno hai visto questo film? Grazie! AHAHAAHHAH

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!