QUELLA GRAN FIGA DI ROSA – Ventimiglia (IM) - parte tre

In pochi minuti mi ha fatto sborrare come un principiante ricevendo lo sperma in bocca e sulle mammellone. Siamo andati in camera da letto e subito ho restituito il favore levando le mutandone e il pannolino macchiato, e giocando delicatamente con la sua figa larga e rossa, ma secca. Sapevo che a una certa età le secrezioni vaginali diminuiscono e non mi sono scoraggiato, leccando con pazienza e utilizzando anche le dita spalmate col lubricante di un vecchio preservativo sbucato da una antica scatola di Settebello. Dopo dieci minuti, la patatona di Rosa era spalancata e unta, e il mio cazzo era tornato dritto come una zucchina. - Vuoi che metta il preservativo? - No, li ho tirati fuori solo per... uuuuhm... per bagnarmi di più.... Finalmente l'ho penetrata, un po' alla volta, ma fino in fondo. - Fottimi Momo... fottimi... aaaaah....! Sussurrava lei ancora e ancora. Ho continuato a pompare la sua figa per una ventina di minuti, cambiando angolazione per farla godere di più e per mantenere la mia erezione a lungo. Rosa sudava e si dimenava mentre esplodeva in quell'orgasmo così inseguito da tanto tempo. Era felice e percepiva che anch'io ero pronto per schizzarle in vagina. - Sborrami dentro... adesso... sborrami dentro! Ho rilasciato e rilasciato almeno sette spruzzi di sperma cremoso, denso e caldo. - Sei una gran figa.... Esclamavo ad ogni schizzo. - Sei più sexy di tutte le donne che ho scopato... L'ho baciata di nuovo leccando un po' di sperma rimasto dalla eiaculazione precedente sul suo mento. - Rosa... ti devo chiedere un favore... ho una fame da lupi... Lei ha riso, si è rimessa la vestaglia, mi ha prestato un accappatoio del defunto marito e siamo tornati in cucina. Il pollo e le patate erano fredde, ma li abbiamo divorati innaffiandoli con del vino bianco. Dopo aver guardato un pezzetto di TV con gli ennesimi risultati delle europee, ci siamo precipitati a letto e abbiamo fatto ancora sesso. Nonostante lei avesse circa il doppio dei miei anni, riuscivo a malapena a stare al passo col suo appetito sessuale così trascurato. Nell'ultima settimana mi ha invitato a cena altre tre volte. Mi sta prosciugando... FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!